Come si sceglie la cuffia ideale?

Come si sceglie la cuffia ideale?

Anche questa estate va forte il fenomeno della Silent Disco: centinaia di persone che ballano apparentemente in silenzio, in realtà con le loro cuffie wi-fi alle orecchie, sintonizzate sui gusti musicali prediletti. L’origine dei Silent Party risalgono ai festival europei, una decina di anni fa. E ora il fenomeno continua a proseguire, strisciante, in baie e discoteche della penisola, con organizzatori vari. Ma come si sceglie una cuffia per ascoltare buona musica? Ci sono due variabili che dovete osservare: la prima è l’impedenza, una grandezza che specifica il grado di resistenza incontrato dal suono prima di uscire dalla cuffia. Maggiore è questa grandezza, maggiore sarà la qualità dell’audio. Di solito il valore si aggira dai 6 ai 600 Ohm e il risultato dipende molto dal tipo di amplificatore a cui la cuffia andrà collegata. Il secondo parametro da considerare sono gli Herz, che esprimono la gamma di frequenze riproducibile. Una buona cuffia deve abbracciare lo spettro di frequenze udibili dall’orecchio umano, da 18 Hz a 22 Hz.

Buon ascolto quindi. E ricordate che la soglia oltre la quale il vostro orecchio comincia a entrare in sofferenza è 80 decibel (ai concerti siamo sui 115). Quindi, la musica in cuffia andrebbe ascoltata rispettando la soglia sostenibile!

Dove trovare queste cuffie?
Lascia un commento
Captcha
Ricarica
Top